Fustameria Fontana: rigenerazione e smaltimento di imballi industriali
Argomenti vari

Fustameria Fontana: rigenerazione e smaltimento di imballi industriali

La Fustameria Fontana di Milano vanta una storia antichissima ed una posizione di rilievo a livello nazionale in quello che è il settore della raccolta e della rigenerazione degli imballi industriali.

Quando l’azienda fu fondata negli anni cinquanta da Sincero Fontana, lo scopo dell’impresa fu quello di raccogliere e restaurare le vecchie botti di legno, con l’obiettivo di rimetterle in commercio.

Da allora la fustameria ha subito una continua evoluzione, adattando la propria attività alle esigenze di quella che è la clientela del presente e del futuro.

Così, dai recipienti in legno si è passati agli imballaggi in plastica e a partire dalle piccole botteghe sono sorte le grandi industrie del settore chimico; nel corso dei decenni, la Fustameria Fontana ha ampliato costantemente il proprio raggio di azione all’interno del settore dello smaltimento, adoperando una trasformazione profonda di quelle che sono le proprie dotazioni, dai macchinari di lavaggio a tutte le attrezzature utili per lo svolgimento di un lavoro professionale ed accurato.

Sul sito aziendale www.fustameria.it è possibile scoprire in maniera approfondita tutti i servizi offerti dalla Fustameria Fontana: dal ritiro al lavaggio, sino alla rigenerazione e allo smaltimento di svariate tipologie di imballi industriali.

La fustameria consente di effettuare il lavaggio delle cisternette utilizzate dalla propria azienda senza dover necessariamente ricorrere alle procedure di compilazione SISTRI, così da consentire un servizio rapido ed efficace, in ogni situazione.

Gli imballi solitamente trattati dall’azienda sono costituiti distintamente da due principali materiali: metallo e plastica, in modo da offrire i propri servizi anche a quelle aziende chimiche che ancora impiegano nei loro processi di produzione l’utilizzo di barilotti in ferro, nonostante l’avvento delle soluzioni più moderne.

Le principali attività della fustameria riguardano pertanto cinque servizi fondamentali: il ritiro degli imballi, il lavaggio dei fusti, la rigenerazione delle cisternette danneggiate, lo smaltimento degli imballi inutilizzabili ed infine la vendita dei contenitori rigenerati.

I fusti che vengono presi in carico subiscono una serie di processi simultanei indispensabili, possibili grazie all’utilizzo dei migliori macchinari industriali utili per l’abbattimento ambientale e lo smaltimento dei rifiuti speciali.

Soltanto grazie a queste tecnologie è infatti possibile rigenerare fusti apparentemente inutilizzabili, poiché contaminati da sostanze chimiche differenti.

La fustameria ritira i contenitori da trattare e li sottopone ad un’attenta analisi, per poi procedere con il processo di abbattimento, che avviene per mezzo dell’utilizzo di uno speciale sistema composto da: un postcombustore utile per l’eliminazione dei gas tossici ed un separatore delle acque torbide, che filtra i liquidi potenzialmente tossici per l’ambiente e li separa dal condotto fognario, immettendoli all’interno di appositi serbatoi per le acque sporche.

A questo punto, gli imballi che risultano essere inutilizzabili vengono sottoposti al processo di smaltimento, mentre per quelli che risultano idonei alla rigenerazione, siano essi di metallo o di plastica, si procede ad una serie di trattamenti utili a ripristinare le cisternette al loro stato originale, in modo da poterle riutilizzare o vendere nuovamente.

La Fustameria Fontana adopera la massima attenzione nella gestione degli imballi presi in carico, così da rispettare l’ambiente e riciclare cisternette altrimenti destinate al rifiuto.

Su www.fustameria.it è possibile consultare un prospetto completo di quelle che sono le attività dell’azienda milanese, nonché le autorizzazioni industriali a cui la fustameria fa fede per lo svolgimento professionale delle proprie attività.