rivestimenti per tetti
Argomenti vari

Il raffreddamento, uno strumento indispensabile nelle catene di produzione

Se pensiamo al settore della produzione di fiori all’ingrosso, in cui il processo di conservazione delle piante (da loro raccolto alla distribuzione) gioca un ruolo essenziale. In questo caso, temperature leggermente superiori rispetto all’1,1 o 2,2°C ideali, può accorciare la vita di un fiore, o, direttamente, distruggerli. Inoltre, altri settori come il farmaceutico o alimentare, utilizzano processi sensibili su un gran numero di sostanze con l’obiettivo di superare innumerevoli test di qualità. In tal caso, i farmaci e gli alimenti sono prodotti la cui perfezione è necessariamente garantita. In quest’ultimo caso, inoltre, la temperatura di conservazione è esigente e molto diverse: la frutta e le verdure richiedono da 4 a 8°C, alimenti surgelati sono di solito tenuti tra -18 e -23ºC, ma la conservazione di alcuni anche ai -30°C. Mentre, per i prodotti caseari, le condizioni sono omogenee: la maggior parte sono conservati tra 2 e 5°C. Tuttavia, ciò che varia è il calore che dà loro durante il loro processo di produzione: 180°C per la pastorizzazione del latte, 43ºC per la fermentazione dello yogurt nei fermentatori, tra i 33 e i 55°C per l’attivazione di batteri che si sviluppano nel formaggio.

Come si vede, indipendentemente dal tipo di settore, il controllo della temperatura è un elemento fondamentale per la stragrande maggioranza dei processi di produzione. In questo senso, è normale che trovare sistemi di aria condizionata nelle navi di grandi dimensioni che possono contenere tali processi. Gli apparati di conservazione come frigoriferi o celle spesso si aggiungono l’aria condizionata, responsabile per il mantenimento all’interno degli edifici a una temperatura adeguata (non solo per i materiali, ma anche per i dipendenti). Tuttavia, nonostante la sua velocità e la potenza di questa tecnologia sembra essere molto costosa, soprattutto durante i mesi estivi. Inoltre, l’aria condizionata può essere utile per raffreddare l’interno delle navi, ma difficilmente compensa la temperatura esterna e interna delle strutture (pareti, travi, tetti, ecc.). Questo spiega il suo alto dispendio energetico, perché, più di una duratura soluzione, questa è un metodo temporaneo contro il calore.

Attualmente il mercato offre alternative più efficaci che l’aria condizionata, o sistemi compatibili con quest’ultima. È il caso di rivestimenti per tetti come Cool-R, una membrana impermeabilizzante e riflettente che può essere applicata su varie superfici. È possibile ridurre la temperatura della vostra nave con Cool-R fino a 10°C, in quegli edifici che non hanno l’aria condizionata. Così, in combinazione con questa, il rivestimento promuove il sistema di aria condizionata, riducendo il costo. Basti pensare che per una superficie di 20.000 m2, il risparmio è compreso tra € 44.495 € e 261.096 €, a seconda dei materiali che compongono la membrana o il rivestimento. Una soluzione che è facile da applicare e garantisce a lungo termine il ritorno economico, che, applicato su edifici industriali, garantisce l’eccellenza delle catene di produzione insieme con altri sistemi di climatizzazione.