Forex: Come riconoscere le formazioni grafiche
Economia e Finanza

Forex: Come riconoscere le formazioni grafiche

Il riconoscimento di pattern, o l’identificazione di formazioni grafiche, è un’altra forma di analisi tecnica che aiuta i trader a capire ciò che sta succedendo nel mercato. Nelle sezioni seguenti, ci occuperemo di alcune delle formazioni grafiche più utilizzate, e del significato che le stesse ricoprono nel trading. Osservandole, tenete bene a mente che le formazioni possono presentarsi in differenti orizzonti temporali (ad esempio: 15 minuti, un’ora, un giorno).

La chiave per fare trading basandovi sulle formazioni grafiche sta nel riconoscere l’intervallo di tempo nel quale sono visibili e quindi elaborare la vostra strategia su come fare trading online in borsa, un pattern di inversione osservabile su un grafico orario, ad esempio, potrebbe costituire un’inversione di solo poche ore, o al più di un giorno, potendo rintracciare una distanza minima.

Un pattern di inversione su un grafico di un giorno, invece, potrebbe segnalare una significativa inversione plurisettimanale, ampia diverse centinaia di punti, vi invitiamo quindi a collocare le formazioni che osservate nell’opportuna prospettiva temporale.

Formazioni grafiche di base

Le formazioni grafiche sono parti o porzioni dei trend, vengono generalmente raggruppate in categorie che riflettono il loro significato nel contesto di un trend, le due tipologie più comuni di pattern grafico sono:

  • I pattern di inversione: un pattern di inversione indica come il precedente andamento direzionale del prezzo stia per terminare, questo non significa necessariamente che i prezzi cominceranno necessariamente a muoversi nella direzione opposta, sebbene in molti casi potrebbero farlo.
  • I pattern di consolidamento e continuazione: i pattern di consolidamento e continuazione rappresentano delle pause nei movimenti direzionali, per cui i prezzi registrano un periodo di consolidamento prima che il trend generale riprenda forza.

Doppi top e doppi fondi

I doppi top e i doppi fondi sono solitamente considerati fra le formazioni grafiche più importanti nell’indicare un’inversione nella direzione di un trend, i doppi top si formano su un trend al rialzo, e i doppi fondi su un trend al ribasso.

In termini di dinamiche di mercato, l’idea sottostante, in entrambi i casi, è che un movimento direzionale (ascendente o discendente) a un certo punto arriverà a un massimo o un minimo, dopo un periodo di consolidamento, il mercato testerà ripetutamente il precedente massimo o minimo, se il trend ha ancora forza, il mercato potrebbe definire un nuovo massimo o un nuovo minimo.

Tuttavia, se il mercato non fosse sufficiente forte da rompere il precedente massimo o minimo, tale condizione segnalerebbe indubbiamente l’esaurirsi del trend motivo per cui i trader avvezzi a seguire le tendenze cominceranno a uscire dal mercato generando un’inversione.

Così come avviene per molte formazioni grafiche, doppi top e doppi fondi raramente si formano in modo perfetto, il secondo massimo/minimo potrebbe essere inferiore al precedente massimo/minimo: tale incapacità di testare di nuovo il precedente massimo/minimo può determinare un’inversione più rapida e volatile, in altri casi, il primo minimo può essere lievemente sorpassato e per un breve lasso temporale solo per essere respinto, andando poi verso l’inversione.

Testa e spalle, testa e spalle invertito

Le formazioni Testa e spalle, dall’inglese Head-and-shoulders (H&S), sono un’altra tipologia di pattern di inversione, talvolta chiamata anche triplo top, le formazioni testa e spalle si sviluppano dopo un trend al rialzo, mentre quelle testa e spalle invertito dopo un trend ribassista.

Nel caso di un trend al rialzo, si verifica un massimo in un certo punto seguito da un pullback così da creare la spalla sinistra, successivamente viene stabilito un nuovo massimo, disegnando la testa, seguito da un’altra correzione, un terzo tentativo di spingere al rialzo non riesce a raggiungere il secondo massimo e può sorpassare, eguagliare, o rimanere sotto la spalla sinistra.

Il fallimento del tentativo tipicamente innesca le vendite e l’inversione viene di norma confermata quando i prezzi scendono sotto la neckline (la scollatura), a sua volta formata dalla connessione dei minimi successivi a ciascun pullback da spalla e testa.

Il movimento di prezzo suggerito da un pattern grafico in un pattern testa e spalle è dato dalla distanza dalla cima della testa alla neckline, quando questa viene rotta, i prezzi dovrebbero successivamente percorrere questa distanza.

Bandiere

Le bandiere sono pattern di consolidamento che si formano tipicamente in controtendenza, ad esempio, se i prezzi hanno avuto un rialzo (il trend è positivo) e si imbattono più in alto in una resistenza, formando una bandiera, i prezzi inizieranno a consolidarsi in un canale discendente (in controtendenza).

Questa formazione suggerisce che il canale di consolidamento della bandiera alla fine si romperà nella direzione del trend precedente, e riprenderà il suo andamento direzionale, anche se il termine può indurre in errore, una bandiera rialzista ha in effetti inclinazione negativa, ma è chiamata così perché, una volta rotto il trend, riprenderà al rialzo.

Una bandiera ribassista ha inclinazione positiva, ma dopo la rottura, riprenderà il trend al ribasso.

Se il lato opposto al canale della bandiera viene rotto (la fine in basso di una bandiera rialzista/la fine in alto di una bandiera ribassista), il pattern perde validità e potrebbe segnalare un’inversione più importante.

Le bandiere hanno un obiettivo di movimento misurato basato sulle aste, cioè la distanza del precedente movimento che alla fine è andato in stallo, dando come risultato la formazione di una bandiera, quando la bandiera subisce una rottura, l’obiettivo di prezzo è di solito uguale alla lunghezza dell’asta proiettata dalla rottura della bandiera.

Triangoli

I triangoli sono un’altra tipologia di pattern di consolidamento, e si presentano in alcune forme differenti.

Triangoli simmetrici: queste formazioni hanno margini superiori a inclinazione discendente e margini inferiori a inclinazione ascendente, dando per risultato un triangolo posto in senso orizzontale, hanno significato per lo più neutrale rispetto alla direzione dopo l’ultima rottura, ma hanno una tendenza leggermente più forte a rompere nella direzione in cui sono entrati nella consolidazione del triangolo, a significare che il trend sarà riconfermato.

Triangoli ascendenti: queste formazioni hanno un lato superiore piatto o orizzontale e un margine più basso con pendenza positiva, tipicamente rompono al rialzo dopo che la resistenza del tetto è stata vinta, il margine inferiore crescente significa che i compratori continuano a tornare a livelli sempre più alti per oltrepassare il tetto orizzontale, l’obiettivo di movimento misurato minimo nella rottura è uguale alla distanza fra il fondo crescente e il punto in cui il tetto orizzontale è stato raggiunto per primo.

Triangoli discendenti: queste formazioni sono l’opposto dei triangoli ascendenti, dove il margine orizzontale e la direzione attesa dopo la rottura sono verso il ribasso.