Ascensore personalizzato: ideale per i centri storici
Casa e Arredamento

Ascensore personalizzato: ideale per i centri storici

Le nostre città hanno i centri storici più belli di Europa: palazzi, palazzotti, case a più piani ma tutte hanno un problema, per essere fruite al meglio devono essere fornite di un ascensore.



Spesso e volentieri un ascensore è quello che serve per aumentare la vivibilità dei nostri centri storici.

Gli ascensori infatti servono per diversi motivi: la loro funzione è quella di rendere agibili anche gli ultimi piani e sopratutto proprio grazie alla loro presenza anziani, disabili, mamme con bambini possono superare la barriera architettonica generata dalle scale.

Ascensore personalizzato: detrazione fiscale possibile?

Pochi lo sanno ma grazie agli incentivi del Governo se si compie una ristrutturazione di uno stabile o se si migliora il risparmio energetico si possono avere detrazioni ed anche l’ascensore rientra in questo ultimo caso e si è ancora in tempo sino al 31 di dicembre 2017 per poter avere la detrazione fiscale del 65%.

Intanto la scelta di un ascensore personalizzato diventa importante nel quadro di una ristrutturazione di una struttura: l’abbattimento delle barriere rende la casa più sicura, più vivibile e sopratutto regala una miglioria anche dal punto di vista del prezzo. Forse nessuno ci pensa ma un appartamento che non è dotato di ascensore perde valore in modo vorticoso così come quando in un condominio viene inserito uno o più ascensori il prezzo della struttura aumenta.

Non solo migliorie per la struttura ma anche per lo standard di vita ed infatti ultimamente persino l’Auser ha messo in campo una campagna chiamata “L’ascensore è libertà” per sensibilizzare in materia di ascensori.

Sembra strano ma abitare già al secondo piano senza ascensore può essere bello da giovani ma con l’età inizia ad essere complesso ed allora si può pensare a sfruttare il bonus del Governo per poter ottenere la detrazione fiscale.

Ascensori: la diffusione in Italia

Basta pensare ad alcuni dati reperiti online.

Se si osserva l’Emilia Romagna ad esempio ci si accorge che ci sono 236mila ascensori, in tutta Italia invece sono solo 2milioni. Pochissimi!

La cosa più preoccupante è che gli ascensori latitano proprio negli edifici pubblici. Infatti solo il 6% sarebbero dotati di ascensore, i condomini economici non ne permettono la gestione e talvolta, anziani e disabili hanno difficoltà ad uscire di casa. Stessa problematica spesso coinvolge le mamme che, seppur giovani non riescono a superare le scale perchè con bambini e passeggini l’impresa è difficoltosa.

Intanto l’adeguamento delle strutture ed il relativo abbattimento delle barriere architettoniche è sempre agevolato dal Governo ma per farlo serve comunque una buona e solida base economica sebbene adesso i costi per degli ascensori non siano più proibitivi così come non lo è di certo la loro gestione.

Nel sud e centro sud l’ascensore è diffuso solo nelle strutture nuove o comunque quelle sorte non prima del 1970, un dato importante. E’ proprio nel centro sud che iniziano a essere proposti ascensori personalizzati in grado di risolvere i problemi di barriere architettoniche interne.