Lo stampaggio della lamiera a freddo, cos'è e quali vantaggi ha questo processo
Argomenti vari

Lo stampaggio della lamiera a freddo, cos’è e quali vantaggi ha questo processo

In molti beni che utilizziamo quotidianamente viene impiegata la lamiera (basta pensare alla carrozzerie delle autovetture). Quello che però noi vediamo come prodotto finito, in realtà è un oggetto che ha subito numerose lavorazioni. Il punto di partenza è il “coil”, ovvero un rotolo di lamiera di vario spessore e larghezza che giunge negli stabilimenti per essere sottoposto a varie lavorazioni, una delle quali è definita stampaggio.



Che cos’è lo stampaggio a freddo

Lo stampaggio della lamiera è l’insieme delle operazioni effettuate a partire da un foglio piano di metallo laminato, per realizzare sagomature e formature, al fine di conferire alla lamiera una forma desiderata, imprimendole delle deformazioni permanenti (riprendendo l’esempio fatto poco sopra, pensiamo agli sportelli e agli altri pezzi della carrozzeria delle macchine). In questo procedimento il materiale viene deformato oltre il punto di resistenza elastica, ma non viene spinto però oltre il limite di rottura.

Lo stampaggio lamiera a freddo è la chiave per ottenere componenti meccanici di elevata qualità, anche perché non comporta variazioni strutturali del metallo, che mantiene quindi le sue caratteristiche meccaniche e resistenziali.

Queste operazioni vengono eseguite generalmente con uno stampaggio della lamiera a freddo, cioè senza sottoporrla prima a un trattamento termico ad elevate temperature. In determinati casi – soprattutto quando i pezzi sono di grande spessore – è possibile che alcune lavorazioni vengano effettuate a caldo, operando con temperature che normalmente raggiungono i due terzi di quella di fusione.

Come avviene lo stampaggio a freddo

Tutte le operazioni di stampaggio avvengono mediante l’ausilio di macchinari ad altissima tecnologia (presse) e attrezzature (stampi) che hanno la funzione di trasferire lo sforzo di tranciatura o di deformazione sulla lamiera da lavorare. Dal momento che questa tecnica viene utilizzata per servire moltissimi settori, va effettuata con caratteristiche sempre diverse e sulla base delle singole e specifiche richieste del cliente.

Può essere condotta (per grandi volumi) con linee di stampaggio automatizzate oppure (per le lavorazioni di precisione) con sistemi manuali.

Il ciclo attraverso presse e stampi

Lo stampaggio a freddo avviene attraverso una serie di passaggi durante i quali la lamiera viene lavorata da presse meccaniche automatiche (stazioni) disposte lungo un percorso lungo il quale la lamiera “cammina” rapidamente.

L’aspetto più delicato di queste lavorazioni è trovare il compromesso migliore tra la minima quantità di materiale necessaria per ottenere il componente (onde evitare sprechi) e la definizione della corretta sequenza delle operazioni di deformazione (in modo da garantire un riempimento corretto senza difetti e piegature).

Un utilizzo delle macchine non ottimale, infatti, potrebbe portare a comprimere dei pezzi già completamente riempiti (sovraccaricando la macchina e deteriorando gli stampi) oltre che aumentare il costo della lavorazione.

Negli ultimi anni, l’utilizzo di software di simulazione dei processi ha agevolato e reso sempre più efficace la loro programmazione, consentendo di verificare in modo virtuale se la configurazione di stampaggio ipotizzata è efficace o meno.

Il procedimento di stampaggio a freddo

I processi di stampaggio sono suddivisi in tre categorie: tranciatura, piegatura e curvatura, imbutitura. Le prime due operazioni vengono solitamente eseguite a freddo, l’ultima invece in determinati casi può avvenire anche a caldo.

Di solito per giungere ad un prodotto finito non basta solo una di queste operazioni, mentre è frequente che siano necessarie tutte. Non solo, ogni operazione potrebbe essere a sua volta suddivisa in più fasi. Il modo in cui si articolerà il procedimento complessivo dipende sia dalla complessità finale del prodotto, sia dalle dimensioni finali, sia dalle caratteristiche del materiale utilizzato.

Conclusioni: i vantaggi di questa operazione

La tecnica dello stampaggio a freddo presenta numerosi vantaggi rispetto ad altre tecniche usate per analoghi scopi. Grazie ad esso, infatti, si può ottenere un prodotto finito con molta velocità, con una sagomatura pressoché finita (che quindi non comporterà lavorazioni secondarie), di grande precisione dimensionale e con un’ottima finitura superficiale. Inoltre consente di ridurre al minimo lo spreco di materia prima, oltre che migliorare le caratteristiche meccaniche del prodotto finito.”